Birra Perugia “ILA” (Scotch Ale)

Birra Perugia - ILA

Birra Perugia – ILA

Le birre barricate non sono più una novità per il panorama brassicolo italiano, che spazia da prodotti fortemente caratterizzati dai sentori donati da particolari barrique, ad affinamenti meno invasivi come la “ILA” di Birra Perugia.

La birra nasce dalla collaborazione con Samaroli, uno dei più grandi selezionatori di distillati internazionali e in attività dal 1968.  La “ILA” è una Scotch Ale, affinata in botti che precedentemente contenevano pregiati Whisky scozzesi provenienti dall’isola di Islay, e precisamente in botti di “Caol Ila 1980″, annata caratterizzata da rotondità e sentori di frutta tropicale.

La Scotch Ale perugina, si presenta di color tonaca di frate, con una leggera opalescenza e una schiuma fine e di persistenza leggera, probabilmente dovuta dalla botte. Concentrandosi sulla componente olfattiva, si nota come sia leggermente sottotono e incentrata sulle note dolci del malto che ricordano caramello e frutta seccato, tipo uvetta, mentre nel finale sono percepibili note torbate. Assaggiando la birra è possibile subito notare di nuovo la nota torbata, con un corpo medio ma non eccessivo. La componente alcolica, che dovrebbe essere abbastanza importante dati i suoi 8 grandi, è solo accennata con un lieve effetto warming, molto lontano però da altri esemplari afferenti alla stessa categoria. La carbonazione, mai eccessiva, aggiunge scorrevolezza. Le note dell’affinamento in botte sono avvertibili nella rotondità della bevuta e forse alcune note affumicate che richiamano i whisky scozzesi. Nel finale della bevuta è avvertibile anche un po’ di astringenza, dovuta forse ai tannini rilasciati dalla botte? In bocca il sapore è persistente, lasciando un aroma di cioccolato fondante  con retrogusto di liquirizia.

È una birra apprezzabile soprattuto nella stagione invernale, con il giusto compromesso tra complessità di bevuta ed equilibrio, non risultando pesante ed eccessivamente alcolica. Un buon prodotto, adatto probabilmente più al fine pasto che abbinata al cibo, se si escludono i dolci.

Leave a Comment.